venerdì 1 aprile 2011

Fave allo zafferano.. direttamente dal rinascimento

Per far minestra di piselli, et fave fresche piglionsi i piselli o baccelli, sgraninosi, et ponganosi in un vaso con oglio d'olive, sale, et pepe, et faccanosi soffrigere pian piano, aggiungendovi tanta acqua tinta di zafferano, che stiano coperti di due dita, et come saranno poco men che cotti, pestisene una parte nel mortaro, e stemperisi con il medesimo brodo, et mettasi nel vaso con una brancata d'herbucce battute, e faccianosi levare il bollo, e servanosi caldi. In questo medesimo modo sipuò accomodare il cece fresco, havendolo prima fatto perlessare, et fatto stare per un quarto d'hora nell'acqua fresca. In questo modo ancho si cuoce il fagiolo fresco. 

Bartolomeo Scappi, Opera, (1570)





Ingredienti:
2 kg. di fave
1 pizzico di zafferano in stigmi
2 cucchiai di erbe aromatiche tritate (prezzemolo, menta, basilico, salvia, maggiorana ecc.)
olio extra vergine d'oliva
sale & pepe.


Procedimento
Preparare un infuso facendo riposare lo zafferano in una ciotola d'acqua tiepida un'ora prima della cottura. Sgranare le fave e toglier loro la seconda pelle. Scaldare 3 cucchiai d'olio in una casseruola e aggiungere le fave. Farle intridere bene d'olio caldo e scaldarle leggermente. Versare l'acqua e lo zafferano; poi, se necessario, aggiungere un pò d'acqua in modo da ricoprirle appena. Salare con un pizzico di sale grosso e pepare leggermente. Coprire e cuocere a fuoco basso per circa 5 minuti. 
Quando le fave sono quasi cotte e sempre molto verdi, prenderne una buona parte insieme al liquido di cottura e frullare. Aggiungere la miscela così ottenuta al resto delle fave. Scaldare, controllare la cottura, e al momento di servire aggiungere le erbe tritate. Controllare il condimento e servire. 

Da provare!!
Una ricetta di Bartolemeo Scappi che alla metà del '500 fu per trent'anni capocuoco presso il palazzo pontificio (quindi grande esperto di mangiare..)



da "A tavola nel Rinascimento", F. Sabban, S. Serventi, ed.Laterza


12 commenti:

  1. E' veramente unico il tuo blog, bello per le immagini e per le ricette storiche!!
    Chapeau!

    RispondiElimina
  2. Giovanni grazie della tua visita, è un vero piacere conoscerti con questo interessantissimo blog! Mi iscrivo come tua sostenitrice, e se vorrai contraccambiare ti aspetto! Bacioni, alla prossima!

    RispondiElimina
  3. già fatto speedy!! e benvenuta nella mia cucina

    RispondiElimina
  4. ..ciao bellissimo blog..mi sono unita ai tuoi sostenitori!!!!
    A presto!!!!!!!

    RispondiElimina
  5. Eccomi!!!!.. grazie del commento che hai lasciato al mio blog... mi unissco volentieri ai tuoi lettori!! Ma che ricetta particolare... come il tuo blog!!! Mi piace.. torna spesso ci conto ok???? buon w.e..-D

    RispondiElimina
  6. Davvero molto interessante, grazie!
    Buon fine settimana da Alda e Mariella

    RispondiElimina
  7. benvenuta Claudia!!
    a presto e buon we anche a te!!

    RispondiElimina
  8. Ricambio molto volentieri la tua visita e mi aggrego al tuo blog molto particolare e interessante!!! A presto Cris.

    RispondiElimina
  9. Ciao,ti ringrazio per il commento al mio blog..:-)
    Mi sono unita ai tuoi amici,complimenti..sei molto bravo e si vede..appasionatissimo!!!;-)
    Buona serata a presto*

    RispondiElimina
  10. Se cerchi la qualità devi guardare nella giusta direzione. Prova la zuppa, piselli, grano e timo. Vai su http://www.vitalbios.com/A/MTQ3NTc2NDk5MSwwMTAwMDAxMix6dXBwYS1waXNlbGxpLWdyYW5vLWUtdGltby0zNDAuaHRtbCwyMDE2MTEwMyxvaw==

    RispondiElimina